Ennesima vittoria del  Lecce di mister Liverani, conquistata dopo una difficile partita contro un coriaceo Catanzaro

Al cospetto di circa 9300 spettatori, un centinaio dei quali provenienti da Catanzaro, i giallorossi salentini portano a casa l’ennesima vittoria col risultato di 3-1, grazie alla quale restano in vetta al girone C della Lega Pro con quattro lunghezze di vantaggio sul Catania, vincitore a sua volta sul difficile campo dell’Andria.

Ma veniamo alla cronaca della partita. L’inizio di gara del Lecce è molto positivo, tanto che la squadra giallorossa trova il vantaggio già al 10° minuto, grazie ad un perentorio colpo di testa del neo acquisto Saraniti su cross dalla destra di Lepore. L’ex centravanti del Francavilla è stato subito schierato da titolare da mister Liverani insieme col trequartista Tabanelli, anch’egli appena giunto nel Salento. Dopo il gol però la squadra di casa, schierata col solito 4-3-1-2 (orchestrato dall’ottimo Arrigoni, migliore in campo), sparisce dal campo ed a salire in cattedra sono i calabresi del bravo mister Dionigi, capaci con il loro 3-5-2 di imbrigliare la manovra della capolista e, con l’esperta coppia d’attacco Infantino – Letizia di rendersi spesso pericolosi in avanti. Così, al 25° gli ospiti trovano il pareggio: dopo una bella triangolazione è proprio Letizia a presentarsi tutto solo davanti a Perucchini ed a trafiggerlo con un preciso diagonale. La partita va avanti ed il Catanzaro continua a tessera la sua tela fatta di tanta corsa e precisi passaggi per tutto il primo tempo, che finisce comunque sull’1-1.

Nella ripresa entra in campo subito Tsonev per Tabanelli. Al 9° minuto serve tutta la maestria di Cosenza per salvare la porta del Lecce da una pericolosissima azione ospite. Dalla successiva ripartenza nasce il gol del Lecce, grazie sempre a Saraniti, il quale dalla destra mette al centro un traversone basso, forte e pericoloso, sul  quale in spaccata il difensore Di Nunzio trafigge, col più classico degli autogol, l’incolpevole portiere ospite. I giallorossi sono nuovamente in vantaggio e mettono in campo forze fresche: entrano, infatti Di Piazza e Legittimo rispettivamente per Dubickas e Di Matteo. Il Catanzaro è ormai domo e così al 25° arriva il colpo del ko con Mancosu, che con un preciso tiro dal limite dell’area, con il quale il Lecce si porta sul 3-1. Dopo gli ultimo cambi di Riccardi per Saraniti e Torromino per Mancosu, Liverani si protegge mettendosi a cinque dietro, mentre da parte sua, con le dovute sostituzioni, Mister Dionigi cerca di potenziare l’attacco. Ma la gara ormai è finita, la Curva Nord è festante ed il Lecce continua ad accarezzare il suo sogno di tornare sui palcoscenici del grande calcio e pensa già alla prossima tappa, che lo vedrà impegnato a Bisceglie venerdì prossimo.

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Rispondi

NO TAP