Grazie alla vittoria per 2-1 contro l’Alto Vicentino il Lecce approda al secondo turno della Tim Cup, dove li attende la trasferta di Ascoli

Buona la prima. Il nuovo Lecce di mister Padalino (squalificato) grazie ai gol dei nuovi acquisti Vutov e Mancosu doma la buona compagine ospite e regala la prima gioia stagionale ai 3300 spettatori presenti al Via del Mare. I giallorossi sono schierati con un 4-3-3 di partenza nel quale giocano Cosenza, Lepore e Caturano reduci dalla scorsa stagione, mentre otto degli undici titolari sono nuovi acquisti del mercato estivo. Di questi destano subito una buona impressione il centrale difensivo Giosa, l’esterno d’attacco Pacilli ed il metronomo di centrocampo Arrigoni.

Al 13° minuto proprio dai piedi dell’estroso Pacilli parte un tiro in porta che il portiere ospite respinge sui piedi dell’accorrente giovane promessa del calcio bulgaro, Vutov, il quale insacca senza difficoltà:  i salentini, dunque, si trovano subito in vantaggio per la gioia dei ragazzi della curva nord, sempre encomiabili per il tifo e l’affetto che rivolgono ai propri beniamini, al di là della categoria. Subito dopo, al 15°, è Caturano a colpire il palo con una bella conclusione dal limita; al 27° ci prova ancora Pacilli, mentre al 33° viene annullato un gol a Caturano, in quanto la palla prima di essere spinta in rete aveva già varcato la linea di fondo. Il tempo finisce con il Lecce meritatamente in vantaggio, mentr l’Alto Vicentino si è limitato a difendersi con ordine.

Nel secondo tempo il Lecce cerca di chiudere subito la gara e le occasioni gol si presentano numerose: al 10° ed al 18° è sempre il centravanti, napoletano di Scampia, Caturano a cercare di colpire prima con un colpo di testa parato da Merlano e poi colpendo ancora il palo con un tiro da corta distanza. Al 20°, invece, è Mancosu a colpire la traversa con una gran botta su punizione, deviata da un avversario.

Complice la stanchezza ed il mancato raddoppio, gli ospiti prendono coraggio e si fanno pericolosi con due conclusioni al 24° – gran salvataggio di Giosa – ed al 29°. Al 37°, poi, la squadra di mister Padalino, finalmente, raddoppia: Doumbia (subentrato al posto di Vutov) si fa parare un tiro ravvicinato, ma sulla corta respinta del portiere si avventa il sardo Mancosu che non sbaglia: due a zero e palla al centro. Al 43° il centravanti ospite Trincheri segna un gran gol al volo portando così il risultato finale sul 2 a 1, con qualche brivido finale per i tifosi giallorossi, i quali possono comunque festeggiare la prima vittoria stagionale.

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Rispondi