Dei walkman digitali di nuova generazione permetto di riprodurre le audiocassette e convertirle in digitale con l’uso del computer.

Molti di noi terranno conservate decine, centinaia di audiocassette, non più utilizzate. La tecnologia è andata avanti e le audiocassette hanno ceduto il passo ai nuovi supporti digitali. I vecchi walkman sono stati rimpiazzati da iPod e lettori mp3 portatili, molto più piccoli, più pratici e di qualità superiore.

Ma le cassette sono rimaste nei nostri ricordi, nei nostri cuori e molte di loro contengono musica e momenti che molti di noi vorranno recuperare, convertendoli in formato digitale.
La buona notizia è che non così difficile farlo, né tanto meno costoso.

Le soluzioni per convertire le audiocassette in formato digitale

Ci sono varie soluzioni per recuperare il contenuto delle audiocassette, per digitalizzarle. Quasi tutte richiedono che un dispositivo digitale registri la cassetta mentre viene riprodotta. Se si usa un computer, occorre utilizzare un software di audio editing per registrare.

cavo-rca

Cavo RCA

Una prima soluzione consiste nel collegare una piastra di registrazione tramite cavo RCA ad un registratore digitale stereo, oppure ad un computer dotato di scheda audio con ingressi RCA.
Questo è il metodo utilizzato anche dagli studi professionali.

Per chi non disponesse di questa attrezzatura, una seconda soluzione può essere quella di collegare un walkman o un mangiacassette dotato di uscita cuffie da collegare all’ingresso microfono del computer
Per quanto semplice, però, comporta una compromissione della qualità, dovuto principalmente al fatto che l’ingresso microfonico dei computer è normalmente monofonico, quindi non sarà possibile registrare in stereofonia. In secondo luogo, se il mangiacassette non è di buona qualità, si rischia di avere un audio poco pulito.

Fino a qualche anno fa erano disponibili solo questi due metodi di acquisizione delle fonti audio analogiche, ma da un po’ di tempo a questa parte esiste una soluzione comoda, a portata delle tasche di tutti, per esperti e non esperti, che offre dei buoni risultati anche dal punto di vista qualitativo.

Sono stati lanciato sul mercato dei mangiacassette, dei walkman di nuova generazione, che permettono di riprodurre le nostre vecchie audiocassette e di trasferirne il contenuto su computer tramite cavo USB.

In pratica questi mangianastri fungono anche da scheda audio, pertanto il computer riceverà dati già convertiti in digitale.
Forse il risultato non sarà di tipo professionale, ma la soluzione offre dei risultati molto soddisfacenti e ad un costo molto contenuto.

Come fare per registrare?

Insieme al mangianastri viene fornito anche un software di audio editing, molto intuitivo che permetterà di gestire tutte le operazioni: acquisizione, miglioramenti, tagli e separazione delle singole tracce. In realtà questi mangiacassette normalmente dovrebbero essere in grado di funzionare con qualsiasi editor audio (anche free), non solo con quello fornito in dotazione. Tuttavia alcuni modelli permettono di effettuare la conversione senza bisogno di utilizzare il computer.

In una prima fase, dopo aver collegato il dispositivo al computer, occorre aprire l’editor audio e avviare la registrazione, quindi avviare la riproduzione della cassetta dal walkman/mangiacassette.

Una volta finito di riprodurre l’audiocassetta, o la sola parte che ci interessa digitalizzare (magari interessa una sola canzone), occorre interrompere la registrazione e salvare il file.
A questo punto inizia la fase dell’editing, durante la quale è possibile tagliare le varie parti, applicare i miglioramenti (riduzione di rumore, equalizzazione, aumento del segnale, compressione, ecc….).
Infine si passa all’esportazione dei singoli file nel formato che preferiamo (mp3, waw, ecc…).
La seconda e la terza fase possono anche essere invertite. Tuttavia si consiglia seguire questo preciso ordine, in quanto, normalmente, i miglioramenti applicati ad un brano sono applicabili a tutto il contenuto nella cassetta.

A questo punto, quali modelli scegliere? Di seguito abbiamo scelto alcuni dei modelli più interessanti, anche tenendo conto delle esperienze degli utenti e del rapporto qualità prezzo.

Convertitori audiocassette: i modelli selezionati

tonor-convertitore-audiocassetteTonor
Dispositivo Plug and Play USB, con autoreverse con software di audio editing incluso. Funziona anche come walkman. E’ alimentato da due batterie AA o cavo USB. Uscita Jack stereo da 3.5 mm per ascoltare tramite cuffia. Incluso CD con driver e software.

sodial-convertitore-audiocassetteSodial
Funziona anche come normale walkman, dispone di autoreverse, uscita audio Porta audio 3,5 mm. E’ alimentato tramite cavo USB o tramite 2 pile AA (non in dotazione). Inclusa nella confezione un paio di cuffie auricolari.

incutex-convertitore-audiocassetteIncutex
Utilizzabile sia come walkman che come convertitore. E’ possibile convertire le cassette in MP3 senza ricorrere al PC. Il dispositivo converte le cassette in formato MP3 direttamente su un supporto di memoria USB. Funzione Plug & Play. Driver non necessari. Si alimenta traamite 2 batterie AA, tramite cavo USB, attraverso alimentatore da 5V da 500mA a 1000mA). Bit Rate: 128 Kbps; formato flash USB. Auricolari compresi nella confezione.

ion-tape2go-convertitore-audiocassetteIon Tape2Go
Funziona sia come walkman che come convertitore. Il software EZ Converter incluso guida l’utente durante il processo di conversione e separa automaticamente i brani e carica gli mp3 direttamente nella libreria digitale del computer o in un altro lettore portatile. E’ dotato di uscita audio da 6,35 mm a cui collegare casse o cuffie.

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Marcello Greco

Scrivo, viaggio, suono, racconto. Mi faccio domande, ma non voglio né risposte facili né giudizi facili.

Rispondi

NO TAP