È virale la parodia salentina dello spot realizzato da Motta per promuovere le merendine Buondì: dal cielo piove un pasticciotto gigante.

Negli ultimi giorni sul web ampio spazio ha avuto la nuova serie di spot realizzata da Motta per promuovere le storiche merendine Buondì: protagonista della trovata pubblicitaria una famiglia intenta a fare colazione all’aperto.

Prima la madre e poi il padre della piccola di casa, desiderosa di fare una colazione nutriente, golosa e leggera allo stesso tempo, vengono colpiti da due asteroidi.

Arriva poi il turno del postino, nel terzo episodio, che viene preso in pieno da un enorme Buondì, per la gioia della bambina che vede finalmente soddisfatto il suo desiderio.

Sui social, alcuni hanno apprezzato la trovata pubblicitaria, altri l’hanno criticata. Tanti hanno riutilizzato le ironie degli spot in vari modi, tra memes e gif e videomontaggi che spopolano sui social, e non è mancata la geniale trovata di un gruppo di giovani salentini, che ha deciso di parodiare lo spot sostituendo il gustoso Buondì con il dolce tipico della tradizione nostrana: il pasticciotto leccese!

Il video, divenuto virale su Facebook, è stato divulgato dalla pagina “Santa Cesarea Terme Promotion”, che si occupa di promuovere l’immagine territoriale della nota località turistica salentina. “Abbiamo voluto realizzare questa piccola parodia – spiegano gli amministratori della pagina – per omaggiare quella che dal nostro punto di vista è una trovata di marketing geniale messa in campo dalla Motta, con una serie di spot che hanno conquistato i due lati del web (quelli che ne hanno apprezzato il messaggio e quelli che invece ne denigrano i contenuti), rendendola in pochissimo tempo una delle pubblicità più cliccate e visualizzate sul web nel nostro Paese”.

A differenza dello spot originale, in cui sono protagonisti la bambina ed il malcapitato postino su cui cadrà dal cielo un Buondì gigante, è la presenza di un mega pasticciotto leccese che va a sostituire l’amatissima merendina della Motta, piovendo addosso al simpatico portalettere.

L’idea ci è venuta per caso – raccontano ancora i ragazzi – e pochi minuti dopo eravamo già al lavoro per realizzare la simpatica parodia che abbiamo poi pubblicato sulla nostra pagina facebook Santa Cesarea Terme Promotion, che di consueto si occupa della promozione della località salentina attraverso vari contenuti multimediali e culturali. La parodia in questione rappresenta una vera e propria eccezione alla regola, in quanto prima d’ora non avevamo mai realizzato né pubblicato simili video”.

In breve tempo la parodia salentina del chiacchieratissimo spot è divenuta anch’essa cliccatissima e con migliaia visualizzazioni, sebbene a livelli ben distanti dall’originale, che i ragazzi hanno voluto comunque linkare all’interno della descrizione del video, per un motivo ben preciso: “Non volevamo in alcun modo che qualcuno potesse affibbiarci la paternità dell’opera, frutto dell’ingegno di altri soggetti, e in questo modo abbiamo quindi inserito il video originale per permettere a chi non lo avesse ancora visto di apprezzarne il contenuto, specificando che la nostra è una semplice parodia, quasi un omaggio oseremmo dire, alla geniale creatività della pubblicità di Motta. Abbiamo anche taggato la loro pagina all’interno del post, consapevoli che difficilmente avranno tempo da dedicare alla nostra simpatica rivisitazione, visto lo straordinario risultato ottenuto dalla loro campagna pubblicitaria, a cui si sommano le divertentissime trovate social che impazzano sulla loro pagina facebook, per non parlare di meme e fotomontaggi con i protagonisti dello spot”.

E così dal cielo, dopo asteroidi e Buondì, piovono anche enormi pasticciotti, che non potranno certo competere con la merendina Buondì in quanto a leggerezza, ma siamo certi che a prescindere da questo in Salento difficilmente qualcuno potrebbe rinunciare alla bontà e alla squisitezza dell’amatissimo dolce leccese: possa un asteroide colpirci se non è così!

Di seguito il video della parodia salentina dello spot:

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Alberto Pizzolante

Ho 20 anni, sono un appassionato di politica, musica e arte in genere. Studio filosofia presso l'università "Vita-Salute" San Raffaele di Milano.

Rispondi