La Minoranza: “Il Comune è stato costretto a versare più di 1.200 euro mensili all’ospedale di Tricase per permessi richiesti dal sindaco. Bleve non ha rispettato le promesse fatte in campagna elettorale”.

Comune costretto a versare mediamente 1.234 euro mensili per permessi richiesti dal sindaco per motivi istituzionali“. In un post pubblicato sulla propria pagina Facebook, il gruppo di minoranza nel consiglio comunale di Santa Cesarea Terme “Continuità e Sviluppo” pone l’accento sulla spesa che il Comune ha dovuto e deve affrontare a causa dei permessi richiesti dal sindaco per motivi istituzionali. Pasquale Bleve, sindaco della cittadina termale da quasi cinque anni, esercita la professione medica presso l’ospedale “Card. G. Panico” Tricase.

Già nel 2015, in un manifesto affisso per le strade del comune, i consiglieri di minoranza Daniele Cretì e Sergio Bono osservavano che “Tante sono state le promesse fatte dal sindaco in campagna elettorale, nessuna mantenuta fino ad oggi, neppure minimamente: dei tanti fiori promessi, nemmeno l’ombra! Ma tra le tante, la promessa che fece più colpo e che intenerì gli ignari cittadini, fu quella relativa alla rinuncia dello “stipendio” da sindaco per tutti i 5 anni di mandato elettorale, in favore dei cittadini bisognosi:

dopo quasi tre anni di mandato, non solo il sindaco ha regolarmente intascato la sua indennità ma, cosa mai accaduta con tutti gli altri sindaci e amministratori che si sono succeduti negli anni scorsi, il Comune di Santa Cesarea è costretto a versare nelle casse dell’ospedale di Tricase la “modica” cifra di circa 2.000,00 euro mensili (oltre 12.000,00 € per i sei mesi del 2013 ed oltre 22.500,00 € per il 2014 […] a causa dei permessi che il nostro primo cittadino chiede per “motivi istituzionali”. Permessi che, udite udite, sono stati chiesti all’ospedale, ottenuti dal sindaco e pagati dal Comune anche la vigilia di Ferragosto, la vigilia di Natale, il giorno di San Silvestro e di sabato“.

La storia purtroppo non è cambiata molto“, scrivono oggi i due consiglieri. “Con determina n. 424 del 18 dicembre scorso il Comune di Santa Cesarea Terme è stato costretto a versare all’ospedale di Tricase la modica cifra di circa 7.404,30 euro per i primi sei mesi del 2016 (gennaio-giugno) corrispondenti a circa 1.234 euro mensili per permessi che il nostro primo cittadino ha chiesto per “motivi istituzionali”: a questa cifra bisogna aggiungere, naturalmente, l’indennità che il sindaco percepisce regolarmente, nonostante quanto promesso in campagna elettorale”.

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Alberto Pizzolante

Ho 20 anni, sono un appassionato di politica, musica e arte in genere. Studio filosofia presso l'università "Vita-Salute" San Raffaele di Milano.

Rispondi