Il nuovo attacco del gruppo di opposizione del Comune di Poggiardo che chiede maggiore chiarezza e facilità nella visione degli atti approvati dalla Giunta comunali e dei relativi firmatari

Ancora polemica all’interno del Consiglio comunale di Poggiardo e ancora una volta è il gruppo di opposizione “La Città di Tutti” a denunciare presunte situazioni non completamente regolari riguardo l’attività burocratica e amministrativa. Nello specifico, lo schieramento consiliare lamenta la difficoltà di accedere alla visione delle delibere di Giunta comunale e dei firmatari dei singoli atti dopo ogni seduta.
Questo è l’oggetto della richiesta presentata dall’opposizione al Prefetto di Lecce, al Sindaco di Poggiardo, al Segretario comunale, al Presidente del Consiglio comunale e, per conoscenza, ad assessori e consiglieri.

L’azione intrapresa da “La Città di Tutti”  segue un percorso partito lo scorso 25 ottobre, quando con una nota indirizzata al Sindaco e al Segretario comunale il gruppo chiese “di avere per ogni seduta di Giunta, l’elenco delle deliberazioni adottate con i nominativi dei firmatari dei singoli atti … al fine di poter svolgere compiutamente il ruolo di Consigliere comunale di verifica dell’operato amministrativo“.

Fu poi il Segretario comunale a rispondere alla richiesta il successivo 3 gennaio, riconoscendo all’opposizione il diritto di visionare gli atti amministrativi “nel momento cui questi si perfezionano, pertanto, ai sensi dell’art. 125 del Tuel, la comunicazione dell’approvazione alle delibere di giunta comunale, con i firmatari delle stesse, dovrà avvenire contestualmente alla loro diffusione all’albo pretorio dell’Ente, così come previsto per legge“.

La risposta non trovò però il benestare del capogruppo dell’opposizione Oronzo Borgia, che sottolineò “il diritto del Consigliere comunale di avere seduta stante qualsiasi informazione inerente le sue funzioni” per poi ribadire la richiesta “di avere in tempo reale l’elenco delle delibere che vengono adottate in sede di Giunta“.

Ad oggi, però, l’opposizione lamenta di non aver più ricevuto in merito nessuna comunicazione: “A distanza di oltre tre mesi, non abbiamo ricevuto nessun riscontro, né verbale, né per iscritto; non abbiamo ricevuto come abbiamo richiesto, e cioè subito dopo le riunioni di giunta (via email ovvero con deposito del cartaceo nelle cartelle di posta interna), né l’elenco delle delibere adottate né i nominativi dei firmatari delle stesse“.

A dar manforte alle proprie richieste, poi, l’opposizione cita proprio l’articolo 125 del Tuel richiamato proprio dal Segretario comunale: “La Città di Tutti” sottolinea infatti come la norma preveda sì che l’elenco delle deliberazioni di giunta venga trasmesse ai consiglieri con l’affissione all’albo, ma “senza escludere la possibilità che tale elenco possa essere richiesto (ed ottenuto) di parte dei consiglieri comunali anche prima dell’affissione all’albo“. A tutto questo, inoltre, il gruppo consiliare aggiunge anche la criticità relativa al ritardo, a volte anche di mesi, con il quale spesso le delibere di giunta vengono pubblicate, rendendo ancora più difficoltoso la visione delle stesse.

Nel documento, inoltre, l’opposizione prende in esame anche alcune norme interne che prevedono la comunicazione ai consiglieri comunali delle deliberazioni di giunta: l’art. 26 del Regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale di Poggiardo (Diritto di sottoporre le Deliberazioni della Giunta a controllo preventivo di legittimità); l’art. 14 dello Statuto comunale (Gruppi Consiliari); l’art. 25  (Diritto d’informazione e di accesso agli atti amministrativi) e l’art. 27 (Facoltà di visione degli atti) del Regolamento comunale.

Le richieste in oggetto della nota vengono poi ufficializzate alla fine della stessa. Il gruppo consiliare di opposizione del Comune di Poggiardo chiede quindi “subito dopo ogni seduta di Giunta, di essere posti nelle condizioni di conoscere … l’elenco delle deliberazioni adottate (con la precisione del ‘titolo/oggetto/ denominazione’ dell’atto) e i firmatari di ogni singolo atto” e che “le deliberazioni di Giunta vengano comunicate ai Capogruppo consiliari mediante inoltro delle stesse in ‘copia conforme’, contestualmente all’affissione all’albo pretorio“.
Il documento, infine, chiede anche che vengano indicati i giorni e gli orari di presenza del Segretario comunale e ogni eventuale modifica.

Il contrasto nel Consiglio comunale di Poggiardo, quindi, continua senza smorzarsi

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Alessandro Chizzini

Nato a Milano il 27 settembre 1981, è laureato in Scienze della comunicazione e Scritture giornalistiche e multimedialità. Dal 2008 scrive per la testata Belpaese. E' iscritto all'Albo dei Pubblicisti per l'Ordine dei Giornalisti della Puglia dal 26 marzo 2012. Si occupa principalmente di politica locale, attualità, sport.

Rispondi