Il consigliere regionale di Forza Italia lamenta il mancato utilizzo da parte della Regione Puglia dei fondi europei 2014-2020

Una regione ferma, senza slancio. Questa sembra essere l’attuale pensiero sulla Puglia di Andrea Caroppo, Capogruppo di Forza Italia il Consiglio regionale, che con una nota personale contesta il mancato utilizzo da parte dell’ente di viale Capruzzi dei fondi europei 2014-2020.

Caroppo lamenta delle importanti somme in giacenza e mai utilizzate: “La Puglia ha miliardi di euro a disposizione, ma ad oggi non ne ha speso nemmeno un centesimo. Non intendo fare polemica ma il problema va sollevato con forza: non utilizzare, tenere fermi e far andare in fumo (in tutto o anche solo in parte) miliardi di euro dei quali la Puglia e i pugliesi hanno una certa necessità, è letteralmente immorale“.

Il consigliere regionale di Minervino di Lecce parla di un importo ingente: “La spesa dei fondi comunitari, programmazione 2014-2020, certificata dalla Regione Puglia ad oggi è pari a zero (0). Dei ben 7,1 miliardi di fondi FESR (sviluppo regionale) messi a sua disposizione, la Puglia non ha usato ancora un euro; idem per i fondi FEASR (agricoltura) e per quelli FSE (sociale)“.

Il rappresentate del centrodestra salentino non usa giri di parole e auspica presto un cambio del governo regionale, anche in considerazione del fatto che altre realtà italiane hanno iniziato subito a sfruttare i fondi messi a disposizione dell’Unione Europea: “Se, allo stesso tempo, altre Regioni (Lombardia, Piemonte, Marche, ecc..) hanno già speso centinaia di milioni di euro vorrà dire che qualche problema di capacità politico-amministrativa in Puglia esiste. Tra qualche anno, come al solito, il massimo che sarà stato fatto sarà aver speso per consulenze relative ai progetti e aver poi distribuito a pioggia una minima parte di quelle risorse su interventi di scarso impatto sullo sviluppo reale. Il copione è noto. E’ ora di smetterla di dare sempre a qualcun altro la colpa del mancato sviluppo del Sud: la Puglia ha bisogno di una nuova classe dirigente“.

 

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Alessandro Chizzini

Nato a Milano il 27 settembre 1981, è laureato in Scienze della comunicazione e Scritture giornalistiche e multimedialità. Dal 2008 scrive per la testata Belpaese. E' iscritto all'Albo dei Pubblicisti per l'Ordine dei Giornalisti della Puglia dal 26 marzo 2012. Si occupa principalmente di politica locale, attualità, sport.

Rispondi