Confermata la sentenza di primo grado del TAR di Lecce, con cui veniva rigettato il ricorso presentato contro l’esito delle elezioni comunali di giugno 2016.

Si erano conclusi con tre soli voti di scarto tra la prima e la seconda classificata, gli scrutini delle elezioni comunali del 2016 tenutesi a Poggiardo nello scorso giugno. Uno scarto minimo che avrebbe potuto essere determinato anche da una scheda nulla in più o in meno. Sarebbe bastato poco a ribaltare il risultato elettorale e quindi il colore politico dell’Amministrazione poggiardese per 5 anni.

La lista “Responsabilmente avanti” guidata dal Sindaco uscente, Giuseppe Colafati, aveva ottenuto la propria riconferma dopo uno scrutinio al cardiopalma, con la lista “La Città di Tutti”, collegata al candidato Oronzo Borgia, che si era piazzata al secondo posto. Fuori dai giochi, invece, il Movimento 5 Stelle, che aveva scelto come candidato Sindaco Pino Pintaudi. Irrisorio il risultato ottenuto rispetto alle altre due liste.

A contendere il risultato a Giuseppe Colafati e alla sua lista, quindi, era stato Oronzo Borgia, il quale a poche ore dalla proclamazione aveva annunciato che avrebbe presentato ricorso davanti al TAR di Lecce, per accertare la regolarità del conteggio, in quanto sarebbero state ravvisate “incongruenze ed anomalie nelle schede elettorali”. Erano 11 i voti contestati.

I giudici amministrativi lo scorso settembre avevano, però, rigettato il ricorso presentato dai Consiglieri di opposizione, guidati da Borgia, i quali, non soddisfatti del verdetto, avevano impugnato la sentenza davanti al Consiglio di Stato, che ora ha rigettato l’appello, confermando la sentenza del TAR.

La sentenza del Consiglio di Stato è stata depositata oggi ed ha confermato “in via definitiva, la proclamazione degli eletti nelle consultazioni del 5 giugno 2016 per l’elezione diretta del Sindaco e il rinnovo del Consiglio comunale di Poggiardo”.

Viene quindi posta la parola fine a questa vicenda. Salvo sorprese il Sindaco Giuseppe Colafati e la sua Giunta guideranno l’Amministrazione comunale di Poggiardo fino al 2021.

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Marcello Greco

Scrivo, viaggio, suono, racconto. Mi faccio domande, ma non voglio né risposte facili né giudizi facili. Dopo 7 anni di avvocatura ho deciso di dedicarmi alla scrittura libera. Al momento scrivo per tagpress.it, testata locale di cui sono cofondatore e attuale caporedattore e collaboro come freelance per altre testate online.

Rispondi