Inaugurato e presentato il sito web dell’Osservatorio sulle serie televisive dell’Università del Salento, il gruppo che analizza il linguaggio delle fiction.

Immagine L’ost, il sito sulle serie televisiveLo scorso maggio l’Edificio Sperimentale Tabacchi di Lecce fu la sede del seminario Dieci anni da Lost. Com’è cambiata la serialità televisiva del XXI, un incontro dedicato ad un approfondimento sui serial televisivi, italiani e non, basandosi sull’effetto impresso sul genere proprio dall’avvento di “Lost”, serie americana diventata un cult per la televisione di tutto il mondo. Il seminario fu organizzato dall’Osservatorio sulle serie televisive del Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione dell’Università del Salento, il cui acronimo, L’ost, è un palese richiamo al prodotto televisivo statunitense.

L’osservatorio nasce per dare quindi risalto alla serialità televisiva, divenuta negli ultimi decenni sempre più importante dal punto di vista artistico, sociale e produttivo. In quell’occasione, venne anche anticipata la realizzazione del sito web dell’osservatorio che oggi è finalmente attivo e consultabile al sito www.osservatorioserietv.it.

Il nuovo prodotto dell’Ost è stato inaugurato lo scorso 22 settembre, una data non scelta a caso: quel giorno, infatti, rappresentava il decennale dell’incidente al volo 815 della Oceanic Airlines che ha dato vita alla prima puntata di “Lost”. In quell’occasione, i membri dell’osservatorio hanno sottoposto al pubblico presente la prima quarantina di schede su altrettante serie del presente e del passato inserite sul sito, assieme a una ricca introduzione teorica e alla promessa di aggiornamenti continui con una newsletter apposita.

Alla presentazione del sito sono intervenuti il direttore dell’Ost Marcello Aprile, docente di Linguistica Italiana presso il corso di Scienze della Comunicazione dell’Università del Salento (tra i elaboratori del Lessico Etimologico Italiano di Max Pfister), i condirettori e responsabili della redazione dell’osservatorio Daniele Calò e Alessandra Ciraci, giovani laureati in Scritture giornalistiche e multimedialità ed esperti di serie televisive, e le collaboratrici Debora de Fazio e Francesca Sammarco, esperte di lingua delle serie televisive italiane del passato e di sceneggiati; presente, infine, il progettista e curatore del sito Enrico Martina, laureato in Scienze della Comunicazione, che ha creato un prodotto multimediale facilmente consultabile.

Sulla homepage è stata pubblicata una breve presentazione dell’osservatorio e del sito, oltre ad messaggio del prof. Stefano Cristante, Presidente del Corso di Laurea di Scienze della Comunicazione presso l’Università del Salento. Il fulcro del sito è ovviamente la sezione dedicata alle serie televisive, raccolte in ordine alfabetico e rintracciabili anche attraverso un apposito motore di ricerca; per ogni serial è stata preparata una scheda che indica i dati generali e analizza contenuti, personaggi, la struttura degli episodi e il linguaggio. Molto interessante è anche la sezione “Studi”, con le analisi dei membri dell’osservatorio sulla serialità televisiva e la lingua delle fiction italiane, due link dedicate a testi di approfondimento e bibliografici e un dettagliato glossario sul mondo dei serial.

Il sito è ancora in fase di aggiornamento, ma presto verranno aggiunte nuove serie televisive e verrà arricchita la sezione “News”. Per maggiori informazioni e dettagli basta consultare il sito www.osservatorioserietv.it.

Un nuovo importante prodotto per l’Ost e un importante passo nel proseguo della sua attività, concentrata a dare risalto a dei prodotti televisivi che, come ha ribadito il prof. Aprile, non ha nulla da invidiare a livello culturale ai prodotti letterari.

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Alessandro Chizzini

Nato a Milano il 27 settembre 1981, è laureato in Scienze della comunicazione e Scritture giornalistiche e multimedialità. Dal 2008 scrive per la testata Belpaese. E' iscritto all'Albo dei Pubblicisti per l'Ordine dei Giornalisti della Puglia dal 26 marzo 2012. Si occupa principalmente di politica locale, attualità, sport.

Rispondi

NO TAP