Nuovo importante riconoscimento per Maria De Giovanni e il suo libro “Sulle orme della sclerosi multipla”, insignito del premio letterario della critica alla 5^ edizione della rassegna artistica e culturale di Galatone

Quando sabato 7 ottobre sarà ospite a San Cassiano per presentare il suo ormai celebre libro autobiografico “Sulle orme della sclerosi multipla”, Maria De Giovanni vanterà l’ennesimo riconoscimento ricevuto proprio per la straordinaria funzione sociale ricoperta dalla sua opera editoriale. La scrittrice e giornalista di Borgagne è stata infatti insignita del premio della critica letteraria in occasione della 5^ edizione del Premio Internazionale di Poesia e Prosa “Città del Galateo” di Galatone.

Inserita nel progetto “La Catena della Pace”, la manifestazione è stata organizzata dall’associazione “Verbumlandi Art” presieduta da Regina Resta, in collaborazione con il Movimento “Valori e Rinnovamento”, e quest’anno è stata legata al tema “Pace, Ambiente e Legalità”. Tra i protagonista dell’evento, quindi, Maria De Giovanni, alla quale, come detto, è stato consegnato il premio della critica letteraria con la seguente motivazione:

Per lo zelo culturale favore dei grandi valori della vita, segno visibile di un messaggio di riscatto e di speranza per noi tutti dalla sofferenza la rinascita a uomo vero.

Un altro traguardo raggiunto dalla scrittrice salentina, che con questo ultimo premio ne conta 18 ottenuti in un anno e mezzo dall’uscita di “Sulle orme della sclerosi multipla“, edito da Graus Editore e con prefazione del regista Edoardo Winspeare.

maria de giovanni

Maria De Giovanni

Grande orgoglio -sostiene l’autrice-, ma soprattutto grande onore perché sono felice di entrare nella vita degli altri con la mia esperienza; il rapporto con la sofferenza lo vivo alla stregua ogni giorno, ma con tanta consapevolezza e coraggio di chi non si ferma e non molla mai. Vorrei lanciare un messaggio di speranza e di coraggio rivolto a chi vive un dramma: parlatene, la malattia non è una colpa, ma solo un altro modo di accettare e accettarsi“.

L’impegno sociale di Maria De Giovanni ha però avuto inizio già prima della pubblicazione del video. Con l’associazione “Sunrise” di Borgagne, di cui è fondatrice e presidente, divulga il suo ideale di vita nelle corsie degli ospedali, sempre a fianco delle categorie disagiate con grande particolarità alle donne e agli ammalati. La sua associazione interviene in tutte quelle situazioni di grave indigenza ed è la stessa De Giovanni a tutelare in prima persona i diritti dei malati e di chi vive come ultimo fra gli ultimi.

Il suo libro sta girando l’Italia e il suo viaggio di comunicazione è ancora lontano dalla conclusione, perché, come ama ripetere, “non vivo la vita per essere felice, ma sono felice di vivere la vita“.

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Alessandro Chizzini

Nato a Milano il 27 settembre 1981, è laureato in Scienze della comunicazione e Scritture giornalistiche e multimedialità. Dal 2008 scrive per la testata Belpaese. E’ iscritto all’Albo dei Pubblicisti per l’Ordine dei Giornalisti della Puglia dal 26 marzo 2012. Si occupa principalmente di politica locale, attualità, sport.

Rispondi

NO TAP