Un programma ricco e diversificato che rilancia l’attesa e antica Festa della Panare di Spongano, in programma il 22 dicembre

Un atteso appuntamento natalizio legato alla tradizione e alla cultura salentina di questo periodo. Questa è la Festa delle Panare di Spongano, che ritorna anche quest’anno con una nuova e particolare programmazione culturale incentrata sul connubio tra le tradizionali ritualità tipiche di questa antica festa ed eventi culturali e musicali che la arricchiscono, rendendola un appuntamento accattivante del calendario invernale delle feste e dei riti del Salento.

La Festa della Panare è in programma domani, venerdì 22 dicembre, e rappresenta da anni una delle più suggestive e particolari feste della tradizione popolare salentina: una festa del fuoco, legata in origine ad una pratica rituale dei frantoiani impegnati nei vari frantoi del paese, un tempo presenti in gran numero e che in questo periodo dell’anno erano in piena attività per la molitura delle olive. I frantoiani, in prossimità della festa di Santa Vittoria, patrona di Spongano, si dedicavano all’allestimento di una ‘panara’ (una grande cesta di canne intrecciate) e, riutilizzando gli scarti della lavorazione delle olive nel frantoio, la cosiddetta sansa, riempivano queste ceste e le adornavano con rami di edera, d’ulivo e con frutti d’arancia.

Alla vigilia della festa della santa, il 22 dicembre appunto, i cittadini uscivano dai frantoi con le loro panare: ogni frantoio ne aveva una che veniva caricata su di un carretto tirato a mano oppure su un carro trainato da cavalli (chiamato appunto traìno), accesa e portata in giro in corteo. Si passava via via da ognuno dei frantoi del paese e si aggregava al corteo un nuovo gruppo di frantoiani con la sua panara. La tradizione vuole che alla fine del corteo le panare vengano depositate in un luogo convenuto, che negli ultimi anni è stato il largo nei pressi dell’ex mercato coperto di Spongano, e lasciate lì a bruciare per tutta la notte.

panare spongano

Una delle panare della festa di Spongano

Quest’anno il nuovo Comitato Festa Patronale Santa Vittoria ha segnato un passo in avanti per ravvivare e rilanciare questa ricorrenza: innanzitutto ha voluto coinvolgere nell’organizzazione dell’evento tutte le associazioni del territorio e poi ha lanciato l’idea che lo spazio adibito al deposito delle Panare a conclusione del corteo sia pensato e progettato come un luogo di festa e di intrattenimento per tutti, in cui potersi fermare e fruire di eventi musicali e culturali. Novità quindi dell’edizione delle Panare 2017 è che tutta l’area, a partire dall’ex mercato coperto e lungo via Fratelli Rosselli, sarà allestita come spazio della Festa, con stand, espositori e un grande palco che ospiterà il concerto degli Après La Classe, che così continueranno il loro nuovissimo “Circo manicomio Tour”.

Il rilancio di questa manifestazione è in realtà partita in anni meno recenti e si è rivelato necessario proprio per la sua stessa sopravvivenza. A metà degli anni ’80, infatti, con la drastica riduzione dell’attività dei frantoi anche questa festa stava rischiando di spegnersi, senonché un gruppo di cittadini decise di costruire la panara e di conservare il tradizionale corteo. È così che oggi il rito della costruzione delle panare da pratica dei frantoiani è diventata una vera e propria pratica comunitaria che coinvolge attivamente associazioni e gruppi di cittadini di Spongano; alcune settimane prima della Festa, nel paese è tutto un lavorìo di adulti, anziani e giovani che si incontrano e si cimentano nell’allestimento della propria panara.

Negli ultimi decenni, poi, l’allestimento delle panare si è modificato ed arricchito di ulteriori elementi ornamentali che le rendono piene di colori e di luci, così come pure nel corteo il trasporto delle panare avviene con gli automezzi, rigorosamente da lavoro, come camion e api; inoltre, il passaggio del corteo viene accompagnato dallo scoppio di fuochi artificiali, mortaretti e musica. Negli anni scorsi nuovamente la Festa delle Panare ha segnato un impoverimento di partecipazione e di entusiasmi, perciò questo Comitato pur essendosi insediato da pochi mesi ha voluto subito prendere in mano la Festa e ripensarla. E dire che sin dalla sua nascita gli elementi di novità non gli sono mancati: per la prima volta nella storia dei comitati feste patronali, quello di Spongano è il frutto dell’adesione di ben 36 membri, quasi tutti giovani, e conta un presidente donna; inoltre si è posto la finalità di caratterizzarsi come momento di dialogo e confronto aperto con tutte le componenti della comunità di Spongano, associazioni e singoli cittadini.

panare spongano

Una delle panare della festa di Spongano

Per questo, quindi, il comitato ha voluto cimentarsi nella realizzazione di un programma ambizioso per l’edizione 2017 della Festa delle Panare, con l’obiettivo di mobilitare ed appassionare la comunità attorno ad un progetto nuovo, capace di attrarre anche turisti e visitatori provenienti da altri paesi. Le risposte da parte del territorio sono state positive e alcune associazioni hanno dato un contributo fattivo all’organizzazione della festa, così come pure importante è il sostegno che il Comitato sta ricevendo da visitatori esterni e curiosi che si avvicinano a questa festa per la prima volta.

Il programma del 22 è ricco e articolato: si inizia dalle 15.30 con il tradizionale Corteo delle Panare, accompagnato dal concerto bandisticoCittà di Racale’, che partirà da Palazzo Bacile “Casa Cranne” e si snoderà lungo le vie del paese, raccogliendo via via tutte le panare che le associazioni e i cittadini avranno allestito. Il corteo arriverà nei pressi dell’ex mercato coperto (vicino il Municipio) e lì verranno deposte le panare a bruciare per tutta la notte. Dalle ore 19.30 lungo via Fratelli Rosselli funzioneranno gli stand del ‘Mercatino di Natale’, che per la prima volta sarà ospitato all’interno della Festa in collaborazione con la ProLoco, e gli stand gastronomici dove poter gustare la cucina locale.

Sarà aperto al pubblico anche l’ex mercato coperto in cui sarà possibile visitare un allestimento di fotografie e videoproiezioni che racconterà la tradizione della Festa delle Panare e il senso di questo rituale comunitario. Alle 20.30, poi, è in programma un omaggio musicale alla memoria di Pippina Guida, testimone della cultura popolare di Spongano, a cura di Luigi Mengoli. Alle 21.30 avrà inizio il concerto degli Après la Classe con la presentazione del loro nuovo album “Circo manicomio”.
Per ulteriori informazioni e aggiornamenti è possibile consultare la pagina Facebook del Comitato.

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Alessandro Chizzini

Nato a Milano il 27 settembre 1981, è laureato in Scienze della comunicazione e Scritture giornalistiche e multimedialità. Dal 2008 scrive per la testata Belpaese. E' iscritto all'Albo dei Pubblicisti per l'Ordine dei Giornalisti della Puglia dal 26 marzo 2012. Si occupa principalmente di politica locale, attualità, sport.

Rispondi