Serata cameristica con Roberto Vetrano a Veglie mercoledì 27 dicembre presso Galleria Cosmopolitan Art Center, organizzato da associazione “Salvatore Martina”.

prima esecuzione assoluta del compositore Roberto Vetrano al Cosmopolitan Art CenterSerata cameristica a Veglie (Le) organizzata dall’Associazione Culturale “Salvatore Martina” (coordinatrice artistica Enrica Aloisi) e che si terrà mercoledì 27 dicembre alle ore 19.30 presso la Galleria Cosmopolitan Art Center del dott. Remo Coppola (via Vittorio Veneto, 64).

Primo di due concerti incentrati sullo studio dei timbri puri, “Sulla sonorità (I)” avrà il suo culmine in LÙNULA II (2005/17), lavoro del vegliese Roberto Vetrano che – revisionato per l’occasione – è l’elaborazione della versione originale che non prevedeva l’uso dell’elettronica.

Ispirato ad una breve poesia di Paul Klee che traccia la ciclicità di un percorso di luce, il brano, per sax contralto e live electronics, vuole restituire l’idea della trasfigurazione presente nel testo poetico, del cammino ciclico e del perenne ritorno.

Questa prima esecuzione assoluta vedrà presente, nel corso della serata, lo stesso artista: reduce dal successo dell’opera teatrale Ettore Majorana. Cronaca di infinite scomparse (OperaLombardia), Vetrano è ormai un compositore di fama internazionale, che ha avuto fra gli insegnanti anche Ivan Fedele, Salvatore Sciarrino e Beat Furrer.

Vincitore di vari premi come il Goffredo Petrassi, le sue opere sono state commissionate anche da Biennale di Venezia, Parco della Musica di Roma, Camera del Parlamento Italiano; eseguite da Alda Caiello, Massimo Quarta, Hilliard Ensemble, Quartetto Promèteo, David James, Orchestre National de Lorraine; edite da Ricordi e trasmesse da RaiTre, RadioRai e Euroclassical.

La prima parte della performance farà ascoltare inoltre, in un percorso dalle traiettorie proteiformi, i brevi e cubisti “Three Pieces” per clarinetto solo di Igor Stravinsky e la “Sonata in La minore Wq 132” per flauto solo del tardo barocco Carl Philipp Emanuel Bach.

Interpreti ne saranno gli stumentisti dell’ensemble cameristico giovanile Il suono lontano (Andrea Carrozzo, sax contralto; Chiara Marsala, flauto; Piero Iacovelli, clarinetto; e la partecipazione di Cesare Saldicco, regia del suono, docente di Elettroacustica presso il “T.Schipa” di Lecce), formazione ad organico variabile fondata nel 2013 da Paolo Martina con lo scopo di scandagliare particolarmente il periodo storico-esecutivo del XX sec. e che sta crescendo sotto la sua Direzione Artistica .

Ingresso libero

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Redazione

Rispondi

NO TAP