Indagini su scomparsa di Noemi Durini sono ancora contro ignoti, con ipotesi di sequestro di persona. Estesa la ricerca anche alle coste.

A quasi 10 giorni dalla scomparsa della 16enne Noemi Durini, di Specchia, la soluzione al giallo tarda ancora ad arrivare, ma gli inquirenti starebbero concentrando le loro indagini intorno al fidanzato 17enne, residente a Montesardo. Va chiarito che il ragazzo non è indagato ed è stato ascoltato come persona informata sui fatti. E’ l’ultima o quantomeno una delle ultime persone ad aver visto Noemi nella notte tra 2 e 3 settembre. Lui racconta di averla lasciata vicino al campo sportivo di Alessano verso le 5 del mattino del 3 settembre. Se poi abbia incontrato altre persone in seguito non è noto. Il ragazzo dichiara di non sapere cos’abbia poi successivamente fatto Noemi né il motivo per cui non è rientrata a casa. Ma gli inquirenti avrebbero riscontrato qualche lacuna nel racconto del giovane.

noemi durini

Noemi Durini

In un video ripreso dall’impianto di videosorveglianza del vicino di casa, i due ragazzi comparirebbero intorno alle 5 del mattino mentre salivano e si allontanavano su un’automobile bianca. Il ragazzo, 17enne, non è patentato, ma potrebbe comunque essere lui stesso alla guida dell’auto. Anche questa circostanza è in corso d’accertamento.

Un altro aspetto anomalo della scomparsa sta nel fatto che la ragazza non ha portato con sé documenti, denaro, cellulare, né altri effetti personali che teneva con sé abitualmente. Non aveva borsa né zaino, quindi nemmeno dei ricambi di vestiti. Questo farebbe pensare che in un primo momento la 16enne pensava di fare presto rientro a casa, ma qualche evento imprevisto ha avrebbe deviato il corso degli eventi.

In questi giorni Vigili del fuoco, unità speciali delle forze dell’ordine, unità cinofile (compresi cani molecolari), SAF (Speleo alpino fluviali), Sezioni Investigative Scientifiche (SIS) e Protezione Civile stanno setacciando il territorio, comprese cavità, grotte, pozzi, cisterne, vore, inghiottitoi, cave dismesse, ad Alessano, Specchia, Montesardo, Morciano, Barbarano e nelle aree limitrofe, compresi l’area archeologica di Macurano e l’ex mattatoio Fattore, ma senza nessun esito. Le ricerche sono state estese anche alle coste del Capo di Leuca. Del caso si sta occupando anche la trasmissione “Chi l’ha visto?”.

Non si esclude nessuna eventualità, nemmeno quella dall’allontanamento volontario, ma la Procura della Repubblica di Lecce ha aperto un fascicolo con l’ipotesi di reato di sequestro di persona. Anche la Procura dei minori avrebbe aperto un secondo fascicolo, nell’ipotesi in cui dovesse risultare indiziato di reato un minore.

Al vaglio degli inquirenti ci sono anche i profili facebook di Noemi, del suo fidanzato e probabilmente di altre persone, per cercare di cogliere qualche elemento utile alle indagini. L’attenzione, non solo degli inquirenti, si è focalizzata su un post che la ragazza ha lasciato sul suo profilo facebook il 23 agosto contro la violenza nei rapporti di coppia:

“- non è amore se ti fa male.
– non è amore se ti controlla.
– non e ‘amore se ti fa paura di essere cio’ che sei.
– non è amore, se ti picchia.
– non è amore se ti umilia.
– non è amore se ti proibisce di indossare i vestiti che ti piace.
– non e ‘amore se dubiti della tua capacita’ intellettuale.
– non è amore se non rispetta la tua volontà.
– non e ‘ amore se fai sesso.
– non è amore se dubiti costantemente della tua parola.
– non è amore se non si confida con te.
– non è amore se ti impedisce di studiare o di lavorare.
– non è amore se ti tradisce.
– non e ‘ amore, se ti chiama stupida e pazza.
– non è amore se piangi più di quanto sorridi.
– non è amore, se colpisce i tuoi figli.
– non è amore, se colpisce i tuoi animali.
– non e ‘ amore se mente costantemente.
– non è amore se ti diminuisce, se ti confronta, se ti fa sentire piccola.

Il nome e’ abuso.
E tu meriti l’amore. Molto amore.
C’ è vita fuori da una relazione abusiva.
Fidati!”

Un riferimento concreto alla sua situazione oppure ha semplicemente condiviso e reso pubblico un proprio pensiero? Se una persona condivide un post contro la violenza non significa necessariamente che ne sia stata vittima, ma i sospetti non mancano.

Non è escluso che il fidanzato e altre persone nelle prossime ore possano essere formalmente indagati, almeno per consentire l’incidente probatorio su alcuni esami irripetibili, tra cui i rilievi sulla macchina sulla quale si sospetta che i ragazzi siano saliti nella notte della scomparsa. Gli inquirenti vorrebbero chiarire anche la posizione del padre del ragazzo, contrario alla loro relazione.

noemi durini

Noemi Durini

In qualche altra occasione la ragazza si sarebbe allontanata da casa per pochi giorni o poche ore per poi ritornare, a causa dei contrasti familiari per via di una relazione che alcune persone definiscono “tormentata”. Solo che le anomalie in questo caso sembrano essere troppe per pensare ad un allontanamento volontario.

Ricordiamo che al momento della scomparsa Noemi Durini indossava un paio di leggins neri, ha occhi castani e capelli castani chiari tendenti al biondo, ondulati anche se usa lisciarli con la piastra. E’ alta 1 metro e 65 e come segni particolari presenta una fossetta sul mento ed un piccolo neo sul naso. L’appello rivolto da famiglia e persone dell’ordine è rivolto a chiunque abbia visto Noemi o abbia informazioni, affinché si metta in contatto con i carabinieri e riferisca tutto.

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Marcello Greco

Scrivo, viaggio, suono, racconto. Mi faccio domande, ma non voglio né risposte facili né giudizi facili.

Rispondi