L’episodio è avvenuto presso il porto di Tricase. Dopo lo sbarco l’uomo ha cercato di fuggire via mare a bordo dell’imbarcazione utilizzata

Uno sbarco avvenuto nella notte presso il porto di Tricase è stato prontamente segnalato alle forze dell’ordine da parte di alcuni passanti che hanno assistito all’intera scena, mettendo così nei guai l’uomo che aveva permesso a una famiglia irachena (composta da un uomo 45enne, la sua consorte 43enne e i loro tre figli, un ragazzo di 14 anni e due ragazze rispettivamente di 15 e 8 anni) di giungere irregolarmente in Italia.

Una volta fatto mettere piede a terra ai cinque migranti, lo scafista non ci ha pensato due volte a darsi alla fuga a bordo dell’imbarcazione utilizzata per effettuare lo sbarco, avvenuto sotto gli occhi di alcuni curiosi che hanno assistito e ripreso la scena, segnalando prontamente il tutto ai carabinieri.

Giunti sul posto, i militari della compagnia di Spongano si sono subito messi sulle tracce della piccola imbarcazione del fuggiasco, segnalando la posizione della stessa alla Capitaneria di porto di Gallipoli.

Il tentativo di fuga è durato poco: lo scafista, Paolo Dell’Anno, 47enne brindisino, è stato raggiunto da una motovedetta e scortato presso il porto di Santa Maria di Leuca.

Dell’Anno, già noto alle forze dell’ordine e accusato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, è stato posto a fermo di polizia giudiziaria da parte dei carabinieri di Tricase, che lo hanno poi condotto presso il carcere di Lecce.

Sotto sequestro sono finiti la piccola imbarcazione, risultata essere di proprietà di un altro brindisino (resta ancora da capire un suo eventuale coinvolgimento nella vicenda), un tablet, un telefono cellulare e altra attrezzatura utilizzata durante la navigazione.

La famiglia irachena è stata invece condotta presso il Centro di Prima Accoglienza “Don Tonino Bello” di Otranto, dopo che sono state effettuate le operazioni di identificazione da parte dei militari.

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Ruggero Riso

Classe 1994, appassionato di giornalismo e sport, scrivo per Tagpress.it di cronaca locale, politica, musica, curiosità e sport.

Rispondi