Dura posizione del viceparroco sponganese don Emiliano De Mitri contro coloro che hanno colorato d’arcobaleno la propria foto su Facebook in favore delle nozze tra omosessuali.

Porte chiuse in faccia ai parrocchiani di Spongano favorevoli ai matrimoni gay da parte del loro viceparroco, don Emiliano De Mitri, 32 anni, laureato in teologia e in filosofia, sacerdote dal 2009 e che, paradossalmente, ha scelto come motto della sua ordinazione il passo tratto dalla lettera di San Paolo ai Filippesi: “Abbiate gli stessi sentimenti che furono di Cristo“.

Nozze gay

(Immagine dal web)

Scelta non proprio coerente con gli ideali di libertà e fratellanza propri di Cristo e della religione cattolica quella compiuta dal sacerdote, che nel pomeriggio di ieri, in risposta a quanti in questi giorni colorano di arcobaleno la propria immagine di profilo su Facebook come segno di vicinanza e di gioia alla decisione della Corte Suprema statunitense di “legalizzare” i matrimoni omosessuali in tutti i 50 stati Usa, ha pubblicato sul suo profilo facebook un post dai chiari toni intimidatori, definito da qualcuno quasi dittatoriale.

Il sacerdote, secondo quanto da lui pubblicato, non concederà il nullaosta per fare da padrini o madrine e non affiderà incarichi da educatori nelle associazioni parrocchiali a coloro che si dimostrano vicini alle LGBT (persone Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transgender).

Molti di quelli che si definiscono comunque contrari alla concessione del matrimonio tra individui dello stesso sesso hanno comunque criticato apertamente il metodo ricattatorio e il mezzo di divulgazione usato dal parroco per esprimere la propria posizione.

Il profilo Facebook di don Emiliano  è stato rimosso da facebook, ma la bufera scatenata dal suo post non si è affatto placata.

Viene da chiedersi fino a che punto i valori cristiani delle origini sono propri del mondo cattolico, soprattutto della sua componente clericale. “Chi sono io per giudicare un gay?” è il messaggio che Papa Francesco lanciò nei mesi scorsi, ma evidentemente, all’interno della Chiesa, non tutti la pensano come lui.

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Alberto Pizzolante

Ho 20 anni, sono un appassionato di politica, musica e arte in genere. Studio filosofia presso l'università "Vita-Salute" San Raffaele di Milano.

Rispondi