Ennesimo grave, quanto grottesco, episodio che mina la sicurezza dei giovani viaggiatori di FSE. A turno gli studenti devono tenerla chiusa.

Proprio quando il Governatore Michele Emiliano annuncia con entusiasmo l’arrivo di 115 milioni per la messa in sicurezza di FSE e delle altre reti ferroviarie pugliesi, si apprende di un nuovo vergognoso fatto di cronaca riguardante la principale azienda di trasporto pubblico della nostra regione.

L’ennesimo brutto episodio è accaduto sulla tratta Francavilla FontanaCeglie Messapica, in provincia di Brindisi, dove un pullman FSE ha viaggiato con il portellone rotto e ad assicurare la sua chiusura durante il viaggio ci hanno pensato i giovani studenti a turno. L’autista avrebbe legato una corda alla cintura dei propri pantaloni, mentre gli studenti, uno alla volta, avrebbero dovuto tirare la porta verso l’interno, impedendo che si aprisse durante il viaggio.

pullman fse - porta tenuta chiusa da studenti con cordaPiù che una situazione da terzo mondo, questo episodio fa venire in mente situazioni fantozziane, ricordando l’aereo del film “Pappa e Ciccia”, diretto da Neri Parenti nel 1893, con Lino Banfi e Paolo Villaggio.

Il fatto, accaduto presumibilmente il 9 ottobre, è stato documentato con alcune foto pubblicate da una utente (probabilmente madre di uno di quei ragazzi) sulla pagina facebook collegata al blog Tribuna Libera, a cui è stato associato il seguente commento:

“AMMINISTRATORI o chi per loro….. date un occhiata a quali sono state le condizioni di viaggio di stamattina dei ragazzi che usufruiscono del servizio pubblico “Ferrovie del Sud Est”…. I ragazzi si sono alternati a reggere il portellone… (legato da una misera corda e dalla cintura dei pantaloni dell’autista) Vergognoso…..”

pullman fse - porta tenuta chiusa da studenti con cordaLa tratta era stata caratterizzata già a settembre da proteste dei genitori degli studenti all’indirizzo della società FSE, lamentando disservizi, ritardi, mezzi sovraffollati e scarsa sicurezza. Gli animi si placarono dopo che FSE decise di inviare nuovi mezzi.

Evidentemente le abitudini sono dure a morire. Circa un anno fa il genitore di uno studente aveva pubblicato un filmato, in cui si vedeva un buco nella pavimentazione di un pullman FSE da cui fuoriusciva del fumo.

In realtà sono diversi gli episodi simili, spesso segnalati dagli stessi studenti o dai loro genitori. Ricordiamo i troppi incendi che hanno coinvolto i mezzi in servizio (si pullman che treni), ma anche i casi di avaria o rottura di parti del mezzo, tali da mettere in pericolo la sicurezza o l’incolumità dei passeggeri, come la rottura del vetro di un pullman a Erchie avvenuta lo scorso mese con gli studenti a bordo, oppure la perdita del portellone in corsa avvenuta poco più di un anno fa a Sava.

 

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Marcello Greco

Scrivo, viaggio, suono, racconto. Mi faccio domande, ma non voglio né risposte facili né giudizi facili.
Dopo 7 anni di avvocatura ho deciso di dedicarmi alla scrittura libera. Al momento scrivo per tagpress.it, testata locale di cui sono cofondatore e attuale caporedattore e collaboro come freelance per altre testate online.

Rispondi

NO TAP