Uno studente di Cursi trovato impiccato ad una corda. Un suicidio a cui nessuno riesce a dare una spiegazione

C’è sgomento e incredulità tra i cittadini di Cursi dopo il dramma consumatosi nel tardo pomeriggio di ieri. Un ragazzo di soli 19 anni è stato trovato senza vita nella sua abitazione, impiccato ad una corda. E’ stata la sorella a scoprire il corpo del giovane e ad allertare subito il 118, ma il personale medico, seppur intervenuto tempestivamente, non ha potuto fare altro che constatarne il decesso.

Il ragazzo, L.M., sarebbe salito su una scala per poi lanciarsi con la corda intorno al collo. La salma non verrà sottoposta ad esame autoptico ed è stata consegnata ai familiari. Tutti gli indizi portano quindi al suicidio, ma nessuno, tra parenti, amici e conoscenti, riesce a dare una spiegazione a questo gesto, e lo stesso ragazzo non ha lasciato messaggi che possano spiegare le ragioni di questa estrema scelta. L’ultimo suo contatto con altre persone pare sia da individuare in un sms inviato ad un’amica.

Il giovane cursiate lavorava come cuoco in un ristorante e frequentava l’Istituto Alberghiero di Otranto, dove si sarebbe diplomato al termine di quest’anno scolastico. La notizia si è diffusa rapidamente ieri sera tra i parenti e gli amici del 19enne che lo hanno ricordato sul suo account Facebook con messaggi in cui traspaiono incredulità e sgomento.

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Alessandro Chizzini

Nato a Milano il 27 settembre 1981, è laureato in Scienze della comunicazione e Scritture giornalistiche e multimedialità. Dal 2008 scrive per la testata Belpaese. E’ iscritto all’Albo dei Pubblicisti per l’Ordine dei Giornalisti della Puglia dal 26 marzo 2012. Si occupa principalmente di politica locale, attualità, sport.

Rispondi

NO TAP