Due giornate di relazioni e attività con le quale verrà presentato il progetto di Giovanna Politi, che vuole creare un connubio tra arte e scienza dall’intenso valore sociale

Dopo l’annuncio dello scorso 2 maggio, in occasione dell’incontro “Arte e Scienza dialogano in gallerie”, è giunto il momento della presentazione ufficiale del progetto “Kalòs. Arte e Scienza“, ideato dalla scrittrice leccese Giovanna Politi e sviluppato in collaborazione con il Gruppo “Villa Maria Care & Research” e con un comitato artistico-scientifico d’eccellenza, composto da umanisti, artisti e medici, presieduto dallo scienziato, prof. Carlo Ventura, che sarà relatore al convegno.

L’evento si articolerà in due giornate, i prossimi 19 e 20 maggio, dalle ore 8.30 alle ore 13.30, presso la Sala Convegni di Città di Lecce Hospital, con un convegno scientifico nazionale. Saranno due mattine di relazioni e di performances artistiche sul tema “Arte e Scienza per una Comunicazione Empatica del Sentire e del Riconoscersi“. “L’Arte -si legge nel comunicato stampa di annuncio dell’evento- con il suo Potere Salvifico, incontrerà la Scienza in un connubio perfetto“.

Carlo Ventura e Giovanna Politi

L’obiettivo di “Kalòs” è quello di stabilire un dialogo empatico tra arte e scienza che possa trarre forza e nutrimento dal medesimo respiro; l’intenzione è quella di costruire un nuovo tipo di comunicazione il cui veicolo privilegiato è l’Arte in tutte le sue forme. Il progetto vuole coinvolgere tutti coloro che hanno bisogno dell’approccio terapeutico dell’arte, e per questo sarà ospitato nelle scuole di ogni ordine e grado, negli ospedali, nelle carceri e in luoghi dove di norma “il dolore e la sofferenza hanno rischiato di oscurare la Bellezza“.

Sono molti le attività e le finalità del progetto: l’Umanizzazione della figura medica (medicina narrativa, ricetta artistico/musicale/letteraria, Educazione all’Ascolto Empatico), l’Educazione alla Bellezza e al Sentimento (Progetto già itinerante nelle scuole, ideato e promosso dalla scrittrice stessa), la Prevenzione alla violenza (Je m’aime) e il recupero del soggetto violento con corsi di pittura, di musica, di scrittura creativa e di teatro.
Per tutti il tango come terapia. L’Empatia, come necessità.

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Alessandro Chizzini

Nato a Milano il 27 settembre 1981, è laureato in Scienze della comunicazione e Scritture giornalistiche e multimedialità. Dal 2008 scrive per la testata Belpaese. E’ iscritto all’Albo dei Pubblicisti per l’Ordine dei Giornalisti della Puglia dal 26 marzo 2012. Si occupa principalmente di politica locale, attualità, sport.

Rispondi

NO TAP