Questa l’importante scoperta di uno studio commissionato dall’ente Parco, ma occorre attivarsi per preservare la presenza del lupo e tutelare nel contempo ecosistema e allevamenti

Nei giorni scorsi uno studio pubblicato su Biodiversity Journal ha attestato il ritorno nel Salento del lupo. Una scoperta importante perché la presenza dell’animale nel nostro territorio non veniva documentata da circa un secolo. La ricerca è stata condotta dal faunista Giacomo Marzano e dai ricercatori Francesca Crispino, Michela Rugge e Giacomo Gervasio, che ne hanno poi pubblicato i risultati sulla rivista scientifica; il team di esperti ha installato una serie di fotocamere tra Otranto e Leuca che hanno registrato la presenza di almeno un cucciolo di un anno e due individui adulti, di cui uno maschio.

Lo studio è stato commissionato nel 2016 dal Parco Naturale RegionaleCosta Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase” per verificare la presenza nell’area protetta di animali selvatici o randagi potenzialmente dannosi per le colture e l’allevamento. E le immagini diffuse dall’equipe di ricerca ha confermato il ritorno nel Salento del lupo comune (Canis lupus Linnaeus, 1758), estendendo la gamma di distribuzione della specie in Puglia a circa 100 km più a sud. La scoperta, inoltre, si inserisce nella generale ricolonizzazione di questa specie in tutto il meridione in corso da alcuni anni.

La presenza del lupo nel Salento, però, dovrà essere monitorata con molta attenzione, sia per mantenere l’equilibrio dell’ecosistema, che per tutelare gli allevamenti locali. Ed è proprio in questo senso che si sta dirigendo l’attività del Parco Otranto-Leuca, come spiega anche il biologo Francesco Minonne: “Di fondamentale importanza sarà lo studio comportamentale di questa specie per la migliore comprensione delle abitudini alimentari nei nostri ecosistemi. Circa la salvaguardia e la tutela del bestiame contro eventuali aggressioni, il Parco offre il supporto tecnico necessario per la migliore convivenza possibile e per capire se derivino effettivamente dal lupo o, come in questi anni è accaduto, da branchi di cani randagi. Invitiamo per questo le comunità a segnalare sospetti avvistamenti nell’area Parco“.

La rilevanza della scoperta è stata confermata dallo stesso studio di Marzano, ripreso anche da un nota del Parco Otranto-Leuca: “Oltre ad essere parte del contesto più ampio delle dinamiche di distribuzione del lupo in Italia, questa scoperta è particolarmente importante alla luce della marginalità territoriale del Salento rispetto al range di distribuzione noto e conferma la presenza della specie anche in aree considerate non ecologicamente ideali“.

La ricerca, poi, analizza le dinamiche che hanno portato al ritorno del lupo nel territorio salentino: “Il fenomeno può essere attribuito alla naturale espansione della popolazione, che negli ultimi anni ha ricolonizzato il centro e le zone di bassa collina e si è persino mosso vicino a grandi città e in aree recentemente considerate non particolarmente adatte. Nel Salento, il contesto ambientale degli avvistamenti e della potenziale connessione con popolazioni stabili nel resto della Puglia sono pesantemente influenzate dalle attività umane. La ricolonizzazione in corso del  lupo è ulteriormente alimentata dalla scarsità di risorse naturali nella zona a sud di Lecce“.

Il quadro generale così descritto dallo studio non può non portare ad attività di monitoraggio costanti e approfondite, considerando che la presenza di un esemplare maschio può presupporre la riproduzione di quel piccolo branco. Il prossimo passo, nel frattempo, sarà quello di determinare il grado di purezza genetica degli animali.

Di seguito le foto scattate dal team di Giacomo Marzano:

Commenta anche tu

commenti

Chi è l'Autore

Alessandro Chizzini

Nato a Milano il 27 settembre 1981, è laureato in Scienze della comunicazione e Scritture giornalistiche e multimedialità. Dal 2008 scrive per la testata Belpaese. E' iscritto all'Albo dei Pubblicisti per l'Ordine dei Giornalisti della Puglia dal 26 marzo 2012. Si occupa principalmente di politica locale, attualità, sport.

Rispondi